Paura del 5G? Questa chiavetta quantica vi proteggerà

  • by
bioshield

I più anziani ricorderanno che, anni fa, la paura dei possibili danni causati dalle radiazioni elettromagnetiche emesse dai cellulari aveva portato sul mercato alcuni prodotti curiosi.

Complessivamente noti come “coccinelle antiradiazioni” erano piccolissimi gadget da applicare al telefonino che spesso avevano la forma di animaletti e, per lo più, di coccinelle.

Da quella posizione avrebbero dovuto bloccare le radiazioni, impedendo loro di raggiungere il cervello dell’utente, dove avrebbero potuto fare danni.

Ci volle l’Antitrust per spiegare che erano assolutamente inutili, anche se sarebbe bastato un semplice ragionamento: se davvero le coccinelle avessero bloccato le radiazioni elettromagnetiche, il cellulare avrebbe smesso di funzionare.

Oggi la paura non è più diretta verso i telefonini in sé, ma verso le torri della telefonia mobile di quinta generazione, che in alcuni Paesi sono tanto odiate da venire (occasionalmente, per fortuna) date alle fiamme.

I produttori di coccinelle magiche però non mancano mai, e sanno sempre approfittare delle parole più in voga al momento. Così, per proteggersi dai pericoli del 5G, ecco che nasce 5GBioShield, una chiavetta Usb che si presenta come «rimedio contro tutte le radiazioni pericolose, l’elettrosmog e l’inquinamento da rischio biologico» (e che, stando a quanto dichiarato, funziona pure contro 3G, 4G e Wi-Fi).

Come funziona? Con una spiegazione degna del conte Mascetti, il sito ufficiale racconta che la chiavetta è dotata di un «catalizzatore olografico indossabile a nano-strato», ed è questo a fornire la protezione.

«La chiave Usb 5GBioShield con nano-strato è una tecnologia di catalizzatore olografico quantistico per l’equilibrio e l’armonizzazione degli effetti dannosi delle radiazioni elettriche squilibrate. Il diametro operativo del nano-strato è di 8 o 40 metri» si può leggere ancora sul sito.

E ancora: «5GBioShield bilancia il campo a livello atomico e cellulare, ripristinando effetti bilanciati per tutte le radiazioni pericolose (ionizzanti e non-ionizzanti)».

Dato che questa chiavetta miracolosa è nata nel Regno Unito, la Bbc ha voluto vederci chiaro, ne ha acquistata una e l’ha fatta analizzare da Pen Test Partners, azienda specializzata nello studiare i dispositivi alla ricerca di vulnerabilità.

Pen Test Partners ha scoperto che non c’è praticamente alcuna differenza tra 5GBioShield e una qualsiasi chiavetta da 5 euro. Solo che 5GBioShield costa 283 sterline (circa 315 euro), anche se esiste un’offerta speciale che consente di acquistarne tre per 799 sterline (circa 890 euro).

BioShield Distribution, l’azienda che distribuisce il prodotto, non ha preso bene queste insinuazioni e per bocca dei suoi due direttori ha provato a offrire qualche spiegazione. Poco ha aiutato nel guadagnare credibilità il fatto che i due uomini in precedenza vendessero un integratore chiamato Klotho Formula, il cui funzionamento era basato su «una procedura proprietaria che genera una dilatazione temporale relativista e una correlazione quantistica biologica a livello di Dna».

Ad ogni modo, i due hanno spiegato di esser «in possesso di molte informazioni tecniche, supportate da molte ricerche storiche». Purtroppo hanno anche dovuto ammettere di non essere «autorizzati a divulgare completamente tutte quelle informazioni a terze parti, per ovvi motivi».

Tali informazioni tecniche giustificherebbero il prezzo e illustrerebbero pienamente i principi di funzionamento, ma devono restare segrete. Pertanto, ogni conclusione cui è giunta Pen Test Partners, «crediamo che la mancanza di informazioni approfondite vi impedisca di calcolare esattamente le nostre spese e i costi di produzione, compresi i costi della proprietà intellettuale e via di seguito»

Non solo: «Diventa quindi difficile» – affermano i direttori – «prendere sul serio la vostra analisi, dato che evidentemente non avete svolto alcuna ricerca sui fatti che supportano il funzionamento del prodotto».

Insomma, Pen Test Partners sostiene che 5GBioShield e una chiavetta Usb economica sono sostanzialmente identiche. BioShield ribatte che la tecnologia è troppo profonda e segreta per essere compresa semplicemente studiando la chiavetta. In ogni caso, almeno un pregio 5GBioShield ce l’ha: la decorazione è graziosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *