I Datacenter di Microsoft

  • di
datacernter microsoft

Poco più di due anni fa, Microsoft tentò un esperimento: “affondò” un piccolo datacenter sperimentale nel Mare del Nord, a circa 35 metri di profondità.

L’esperimento, che va sotto il nome di Project Natick, aveva lo scopo di capire non solo se i server potessero resistere e continuare a funzionare al di sotto della superficie del mare, dove fare assistenza è quantomeno complicato, ma anche se l’innovativo posizionamento fosse positivo dal punto di vista della dissipazione del calore che – com’è noto – un datacenter produce in quantità.

Ora Microsoft ha recuperato quel datacenter in miniatura, con i suoi 864 server, per verificare se le speranze iniziali fossero ben riposte.

Per usare le parole di Microsoft stessa, l’esperimento è stato un successo. Non solo il datacenter subacqueo ha resistito perfettamente, ma i server si trovano in condizioni migliori dei loro colleghi che passano la vita sulla terraferma.

In un’installazione comune, il server subisce piccole ma continue aggressioni da parte dell’umidità e delle variazioni di temperatura. Nell’ambiente subacqueo, perfettamente sigillato, tutto ciò non si è verificato: il tasso di guasti registrato è stato un ottavo di quello che tipicamente si nota nei datacenter terrestri.

L’idea di trasformare le enormi installazioni che sono i grandi datacenter attuali in più piccoli e agili container da affondare per un certo periodo di tempo sembra ora decisamente più sensata di quanto lo fosse nel 2018, e ciò spinge Microsoft a puntare con decisione alla realizzazione della seconda fase di Project Natick.

Essa consisterà nel dimostrare che rimuovere e riciclare i server, una volta che questi sono giunti al termine della loro vita utile, è un’operazione fattibile sia dal punto di vista pratico che da quello economico.

Di seguito, il “ripescaggio” del datacenter sommerso due anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *