Apple Watch 6 potrà rilevare gli attacchi di panico

  • di
iwatch 6

Apple Watch 6 sarà sempre più un accessorio per rilevare preziose e importanti informazioni anche a livello medico. A quanto anticiperebbero i recenti rumor, potrà infatti rilevare persino gli attacchi di panico.

Evidente manifestazione di una situazione di grande stress, l’attacco di panico colpisce prima o dopo una grande percentuale della popolazione. Secondo un recente sondaggio Eurodap (Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico) pubblicato lo scorso marzo e relativo all’Italia, sono soprattutto le fasce tra i 15 e i 35 anni e tra i 44 e i 55 anni tra le più colpite.

Emerge all’improvviso e causa palpitazioni, respiro irregolare, tremori, sudorazione e in generale la sensazione che qualcosa di tremendo stia per accadere, persino la morte, senza avere la possibilità di controbattere. Come riportato dal sempre ben informato Jon Prosser, Apple Watch 6 potrà rilevare l’attacco di panico e segnalarlo all’utente, aiutando così anche a tentare di riprendere il controllo della situazione.

Già perché i componenti interni all’orologio smart di Apple possono eseguire anche un elettrocardiogramma attendibile per tenere sotto controllo le manifestazioni cardiache e – nel caso – avvertire in tempo reale in caso di episodi preoccupanti. Unito anche alla possibile adozione della rilevazione del livello di ossigeno nel sangue, il futuro Apple Watch potrà così tranquillizzare sul fatto che lo stato d’animo in cui ci si trova non è dovuto a un infarto in arrivo, quanto a un aumento considerevole dello stress.

Una condizione non meno preoccupante, che infatti a lungo andare può portare anche a gravi problemi, è il caso di sottolineare. Tra le possibile altre novità a bordo di Apple Watch 6 dovrebbe esserci la capacità di rilevare ipotermia e il monitoraggio preciso della qualità del sonno.

Il nuovo smartwatch sarà dotato di sensori rinnovati e anche di un nuovo processore e dovrebbe aggiungere utility dedicate come quella per il ciclo mestruale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *